A.A.A. Salute cercasi

Ma che cos’è la SALUTE? e la SALUTE MENTALE?

la salute mentale non è assenza di malessere, ma la sua presenza consapevole

Quest è la definizione di Mario de Mauro (psicologo e psicoterapeuta) in un bell’articolo pubblicato da Il Fatto Quotidiano qualche giorno fa.

Si smetta di pensare alla psicoterapia come un rimedio esclusivamente per la patologia. Certo tenta di esserlo, ma la sua funzione non è solo in questo perché la psicoterapia è potenziamento delle proprie risorse e capacità di riflessione, qualsiasi siano le basi di partenza, nel momento in cui esiste la motivazione a mettersi in gioco e a potersi pensare diversamente, farsi altro nella mente per poi farsi altro nei rapporti interpersonali.

Questo è solo uno stralcio ma tutto l’articolo merita di essere letto.

PSICOTERAPIA (1)

La psicoterapia è un percorso di trattamento dei disturbi psicologici che si realizza in una serie di incontri con un professionista psicoterapeuta. Lo scopo della psicoterapia è promuovere un cambiamento tale da alleviare in modo stabile alcune forme di sofferenza emotiva. La psicoterapia aiuta la persona a vivere meglio (http://www.stateofmind.it/2015/04/psicoterapia/)

PSICOTERAPIA 2

La psicoterapia è una pratica terapeutica della psicologia clinica e della psichiatria, ad opera di uno psicoterapeuta (psicologo o medico, adeguatamente specializzato), che si occupa della cura di disturbi psicopatologici di natura ed entità diversa, che vanno dal modesto disadattamento o disagio personale fino alla sintomatologia grave, e che possono manifestarsi in sintomi nevrotici oppure psicotici tali da nuocere al benessere di una persona fino ad ostacolarne lo sviluppo, causando fattiva disabilità nella vita dell’individuo.
Etimologicamente la parola psicoterapia – “cura dell’anima” – riconduce alle terapie della psiche realizzate con strumenti psicologici quali il colloquio, l’analisi interiore, il confronto, la relazione ecc., nella finalità del cambiamento dei processi psicologici dai quali dipende il malessere o lo stile di vita inadeguato, e connotati spesso da sintomi come ansia, depressione, fobie, ecc. A tal fine la psicoterapia si avvale di tecniche applicative della psicologia, dalle quali prende specificazione nei suoi svariati orientamenti teorici: psicoterapia psicodinamica, psicoterapia cognitivo-comportamentale, psicoterapia adleriana, psicoterapia ericksoniana, psicoterapia sistemica, psicosintesi, psicoterapia umanistica, psicoterapia con la procedura immaginativa ecc…
[https://it.wikipedia.org/wiki/Psicoterapia]

PSICOTERAPIA 3

Il termine psicoterapia deriva dal greco antico:

  psiche = anima;    terapia = cura
 
La psicoterapia è la pratica svolta da un professionista finalizzata a curare la sofferenza psichica. I modi in cui si manifesta la sofferenza psichica, ossia i sintomi che compaiono e che la psicoterapia affronta, sono moltissimi e diversi ma tendono ad organizzarsi sotto forma di Disturbi psicologici tipici e riconoscibili.
 
Più specificamente, la psicoterapia è il processo in cui una persona, una coppia, una famiglia o un gruppo di persone incontrano uno psicoterapeuta con l’obiettivo di risolvere i propri problemi relativi alla sfera del comportamento, delle emozioni, delle credenze o del proprio modo di pensare.
 
A questo scopo la psicoterapia si avvale di conoscenze teoriche e pratiche maturate in seno alla Psicologia. Le conoscenze teoriche riguardano la comprensione del funzionamento dell’essere umano dal punto di vista psicologico. Le conoscenze pratiche rappresentano invece gli strumenti di intervento veri e propri, come ad esempio l’analisi dei sogni, l’ipnosi, l’intervento paradossale, il colloquio. Le conoscenze teoriche sono la Mappa, le conoscenze pratiche permettono di viaggiare concretamente nel Territorio.
 
Va notato che il bagaglio di conoscenze – teoriche e pratiche – del singolo Psicoterapeuta possono variare molto a seconda dell’approccio psicoterapeutico che questi segue. Esistono infatti diverse scuole di psicoterapia, come ad esempio la terapia Analitico-Transazionale, la terapia Psicoanalitica o la terapia Cognitivo-Comportamentale. Queste scuole, pur avendo alcune grandi somiglianze, si differenziano nel modo di lavorare e di concepire il disagio psicologico.

[http://www.adrianostefani.it/articolo-psicologia.php?id_art=34]